Dado vegetale veloce Bimby

Cottura in:30 Minuti Difficoltà:Easy 9 comments
come fare il dado vegetale veloce con Bimby

Oggi vi propongo la ricetta facilissima del dado vegetale veloce Bimby da usare nelle minestre e per condire in modo sano e naturale le vostre pietanze.

In passato acquistavo i dadi vegetali nel banco del supermercato fino a quando tormentata dai miei frequenti mal di testa facendo ricerche ho scoperto che il glutammato monosodico che si trova in molti cibi preparati, nella cucina cinese e nei dadi , può scatenare il mal di testa o farlo peggiorare

Ho iniziato chiaramente a bandire dalla mia cucina tutti i cibi che contenevano questo benedetto glutammato fra cui il dado che ora preparo con il Bimby Tm31 sia in versione cremosa che nella versione granulare molto pratica.

Dado vegetale veloce Bimby – Premessa

Ci sono molte ricette in giro per fare il dado vegetale col Bimby, io trovo molto pratico quando ho poco tempo acquistare le verdure già tagliate che vendono in sacchetto pronte da cuocere , quelle che si usano per i minestroni freschi.

Si possono trovare questi sacchetti pronti sia al mercato dal verduriere o al supermercato nel banco frigo, diciamo che è una soluzione veloce.

Se invece avete più tempo vi consiglio di scegliere le verdure fresche intere che volete usare e poi tagliarle a cubetti per poi cuocerle per fare il dado vegetale.

Dado vegetale veloce Bimby – Quali verdure usare?

Potete usare sedano , carote ,zucchine, pomodori, funghi, coste, prezzemolo ecc… oppure arricchirle con legumi freschi come faccio io: piselli, fagioli ecc…

A me piace mettere anche il cavolfiore, o la verza ma mi rendo conto che a qualcuno potrebbe poi non piacere il gusto che lascia una volta che si prepara il brodo.

Dado vegetale veloce Bimby – Conservazione

Il dado vegetale preparato in questo modo è sotto forma di una crema , si può conservare mettendolo in vasetti di vetro in frigorifero per un massimo di 2 mesi.

Ricetta Dado vegetale Bimby (Tm31 e Tm5)

  • 400 g misto verdure fresche per minestrone (carote,sedano,pomodori,coste,legumi,patate,cipolle)
  • 10 g olio di oliva (extravergine)
  • 30 g vino (bianco)
  • 50 g parmigiano reggiano
  • 300 g sale
  • alcune foglie prezzemolo
  • alcuni aghi rosmarino
  • alcune foglie salvia
  1. Mettere nel boccale il parmigiano a pezzi : 10 sec. vel.8 togliere e mettere da parte
  2. Mettere nel boccale le verdure  e gli aromi tritare 10 sec. vel.7

  3. Unire il sale, l’olio e il vino e cuocere 30 min. temperatura Varoma, vel.2 mettendo sopra al coperchio il cestello
  4. A cottura ultimata aggiungere il parmigiano e portare lentamente a vel. 6
  5. Successivamente omogenizzare portando lentamente a vel.10 e continuare per 1 minuto di tempo totale
  6. Se notate che rimane liquido continuate la cottura a Varoma per qualche minuto, ma con questa ricetta non è stato necessario.
  7. Mettere il composto in un vaso con coperchio e far raffreddare, una volta freddo conservare in frigorifero

9 Comments

  1. devo provare anche questa…il sapore è uguale alla ricetta precedente?
    Sai che io ne ho ancora a distanza di molti mesi è ancora perfetto!

  2. mi sa che è la stessa ricetta forse se non ricordo male qui ho allungato i tempi di cottura per rassodare ancora di più gli ingredienti , tu quale ricetta hai fatto?

  3. Questa Cate…ma non riesco più ad entrare nella pagina del tuo blog dove era la ricetta.

  4. praticamente è stata sostituita con questa ecco perchè non la trovi !

  5. ah ok!

  6. di niente , quando vuoi sapere qualcosa hai solo da chiedere okai? ciao!

  7. Hai fatto benissimo a preparatelo in casa anche perche' quello confezionato e' ricco di sale e come hai scritto glutammato!!!
    ^_^

  8. Perchè metti il cestello sopra al coperchio??per evitare che gli schizzi fuoriescano dal buco??o altro motivo??

  9. semplicementelight

    serve a far sì che non rimanga troppo liquido il dado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter